Date

schiava e dominazione

Se qualche termine non fosse chiaro, consultare il glossario al termine dell'articolo

Dagli anni ’70 ai nostri giorni : il BDSM è alle porte

Con il giungere dei libertini anni ’70 anche il turn over generazionale da una spinta notevole alla creazione di una “nuova guardia” che, anche in virtù della passata rivoluzione sessantottina, operò una disinvolta apertura all'esterno e una concreta azione di confronto e "sintesi" del mondo sadomaso.

Ma è solo con l’arrivo della decade successiva, gli anni ‘80, che possiamo veramente parlare di svolta.

Per la prima volta si conia l’acronimo SSC e si sente parlare di EPE (Erotic Power Exchange, scambio di potere sul piano erotico) per esplicitare l'aspetto più "cerebrale" del sadomaso, che da semplice divertissment erotico diventa a tutti gli effetti un reale stile di vita, fino ad arrivare al D/s per includere il range completo di disequilibri di potere possibili in una relazione.

E’ probabile che in questi anni ad aver premuto l’acceleratore su questo processo di maturazione e consapevolezza, sia stata la diffusione popolare di nuove tecnologie di comunicazione; basti pensare in seguito la sola diffusione di Internet quali incredibili novità e svecchiamento abbia portato nelle nostre vite.

Ed ecco che con l’avanzare degli anni ’90 il sadomaso entra nel pieno periodo di maturazione; dapprima scollegandosi dal mondo gay a cui era rimasto ancorato, si afferma ulteriormente il concetto di SSC, e compaiono testi divulgativi che iniziano a fare luce non solo sulla protostoria di queste pratiche ma anche a gettare maggiore chiarezza sull’utilizzo degli acronimi che generavano non poca confusione.

Possiamo datare spannomentricamente con ragionevole margine di sicurezza la nascita del termine BDSM proprio verso metà degli anni ’90, forse il 1996, anno della pubblicazione di alcuni testi chiave della cultura BDSM.

In conclusione…

Possiamo affermare senza tema di smentita che il BDSM al giorno d’oggi sia ampiamente diffuso in tutto il mondo, nonché declinato in pratiche che lo hanno via via allontanato dal sadomasochismo storico e letterario, operando per i praticanti una netta linea di demarcazione tra patologia e sana attività erotica.

Il termine quindi consacra e sancisce definitivamente l’affermazione di una cultura a sé stante, con una propria identità storica, usi, costumi e produzione artistica di notevole livello (letteraria, teatrale, musicale ecc); un modo di relazionarsi strutturato maturo e consapevole, frutto di oltre 40 anni di lotte sociali, confronti, ricerca e crescita personale.

Glossario

Di seguito gli acronimi a cui faremo riferimento per un'immediata comprensione del testo.

  • Con BDSM si indicano relazioni rientranti nell'ambito delle pratiche sessuali di Bondage, Dominazione, SadoMaso e Fetish.

  • SSC indica la regola del consenso necessario della persona sottomessa, ovvero Sano, Sicuro e Consensuale, ed è alla base di questo tipo di pratiche sessuali.

Questa distinzione è importante perché quello che in Italia viene chiamato comunemente Sadomaso (SM), è ovunque invece definito come BDSM e raccoglie una serie di approcci, emozioni e pratiche molto diverse, in cui il dolore riveste solo una parte della complessità di questi incontri.